Era come se avesse già il mandato
nel nome della sua ora
venuta a scuotere nel suono
di ogni sua sillaba
il destino fin dalla nominazione
un rintocco tremendo:
tre e trentatré – l’ora prediletta.
Ma non c’è ora che sia giusta
nel bel mezzo della notte
e di un cammino vitale, per il nero
del cuore sotterraneo
che prende ad un tratto a pulsare
rovesciando il suo compito universale
portando via la vita
anziché incardinarla ai corpi
disunendo ciò che Dio ha unito
scucendo le terre e le carni
e lasciando muri in piedi a metà
come quei figli e quei padri, e quelle madri
quegli sperduti pilastri
rimasti a resistere soli
a sorreggere gli astri.

Agostino Peloso,  14 aprile 2009

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...