Nella veglia di silenzio
come di notte rumori dimenticati
riaffiorano pensieri, in miniatura.
Dovrei sognarti
a quest’ora della natura
e invece mi ritrovo a immaginarti.
E la veglia sa farsi profonda
e perfino più bella
della sonda d’un sogno.

Agostino Peloso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...