Agosto, mio giorno di brina provenienza
di mare trasluce il fondale d’ogni sogno
ti prende a tutto tondo, si offre al mondo
con la sua veste d’aria appena opaca
senza dar tregua ai dossi delle spiagge
con la sua voce risonante
di drappi schiaffeggiati.
Agosto, portavoce delle prime tersità
nell’essere tardivo contrafforte dell’estate
s’insedia in petto
col suo grappolo di frettolosi frutti celesti
mentre tutto, tutto quanto gli è sottoposto
sommessamente muta d’aspetto
si fa rovescio di ciò che era prima
d’essere se stesso.

Agostino Peloso, Andria agosto 2017.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...