– Belvedere –

 

Da qui, da questo ben proteso

belvedere, s’instrada l’aria tesa

dell’estate. In preda a lucenti geometrie

sui muri le ombre si aguzzano turrite

e arrendevoli all’arancio

che di slancio si fa largo.

Nel mare troneggia il promontorio.

Ancora padroneggia

il  suo regale lineamento

la cui grana piano si discioglie

– al pari di un ricordo

che declina nell’oblìo –

e dal giorno si ritira

la sua lieve sommità.

E quanta ricchezza intorno

nelle cose povere del giorno

spaesate di ruggini e di guasti

in questa strenua ora

l’aria s’indurisce e scema

come un palmo

che si schiude

calmo e dolente

– addio –

nell’ultimo saluto.

 

Agostino Peloso, estate 2013

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...