PAESE
Nel guscio dei tuoi occhi
sverna una stella dura, una gemma eterna.
Ma la tua voce è un mare che si calma
a una foce di antiche conchiglie,
dove s’infiorano mani, e la palma
nel cielo si meraviglia.
Sei anche un’erba, un’arancia, una nuvola…
T’amo come un paese.
(Gesualdo Bufalino, da L’amaro miele, Einaudi, 1982)

Come un paese, t’amo
e sfioro te con le sfinite parole
nell’alba celeste comprese.
Siamo, quando tu sei, piano
quel suono senza fine d’un commiato
tra l’acqua di mare ed il suo lido – siamo
di riva in riva, gli inarrivabili villaggi
che di rivi, alvei e foci
fanno avvincenti lacci.

Agostino Peloso, Roma 18 aprile 2017

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...